Insegnare italiano all’estero: una nuova scelta professionale

insegnare all'esteroOggi la formazione non è solo più un’esclusiva degli studenti e del loro futuro professionale, anche gli insegnanti sebbene con un grado di preparazione e competenza già elevato, possono migliorare il loro livello di conoscenze e, se interessati, modificare radicalmente il proprio percorso lavorativo. Soprattutto giovani professori o professoresse di lingue non del tutto soddisfatte di insegnare nelle scuole italiane, un’opportunità che può essere offerta è quella di poter modificare il loro corso professionale attuale ed invertire la rotta andando ad insegnare la lingua italiana agli stranieri all’estero. Una scelta del genere comporta ovviamente la consapevolezza del dover cambiare vita, del dover andare a vivere in un altro Paese lontano dall’Italia e di approcciarsi, comunque, ad un modello di insegnamento ed apprendimento che è differente da quello già noto.

Mettendo da parte, però , delle considerazioni che sono puramente personali e che dovrà fare ogni singolo docente, da un punto di vista burocratico per potersi garantire un inserimento lavorativo all’estero è necessario che il professore o la professoressa di lingue acquisiscano una certificazione ad hoc che attesta la preparazione e la competenza del docente per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri. Certificazione Ditals, ecco come viene identificato il titolo culturale per il docente che ne garantisce la validità di insegnamento ed apre a nuove possibilità professionali in altri Paesi.

Dove poter acquisire la certificazione Ditals per insegnare italiano all’estero? Per chi è certo di possedere dei requisiti necessari all’abilitazione, ovvero titolo di studio adeguato, esperienze professionali nel campo dell’insegnamento, oltre, ovviamente, ad una più che buona conoscenza della lingua italiana, si può rivolgere a diversi istituti di formazione o scuole di lingua (in Italia o all’estero) e prenotarsi per l’esame che, se superato, rilascia la certificazione richiesta. Esistono, come ovvio, dei costi di iscrizione per l’esame, così come esistono dei livelli differenti di preparazione. Per un insegnante, infatti, che vuole essere sicuro di potersi garantire un nuovo percorso professionale all’estero, il consiglio è quello di procedere ad una doppia abilitazione per il titolo Ditals I e Ditals II in cui oltre a confermare le competenze di base dell’insegnamento della lingua italiana, viene attestata al docente una più completa preparazione e un più adeguato profilo per l’insegnamento agli stranieri.