Una Guida Semplice al Trading e ai Mercati Finanziari

trading valuteIl mondo della finanza viene spesso descritto, soprattutto dai creativi del cinema e dalla letteratura, come un mondo di squali in cui prosperano solo operatori super specializzati. La realtà è abbastanza diversa. Innanzitutto, non è necessario conseguire un master sui prodotti derivati per investire in maniera consapevole e profittevole. Allo stesso tempo, è quasi impossibile accrescere il proprio capitale iniziale senza uno studio serio dei mercati in cui s’intende investire.

Il trading sui mercati finanziari è uno strumento che consente agli investitori di incrementare il proprio reddito e contribuire ai risparmi, in alcuni casi è possibile realizzare un sostanzioso profitto, in altri le perdite possono addirittura eccedere l’investimento iniziale. Puntualizziamo che questa guida è dedicata all’universo del trading online, in cui al tradizionale broker si sostituisce la piattaforma di trading. In questo caso la società di brokeraggio offre diversi servizi, tra cui l’aggiornamento degli strumenti, le informazioni necessarie a operare sui mercati, i grafici in tempo reale, ma non la consulenza sugli investimenti da effettuare. Nel trading online i broker hanno quindi funzione neutra rispetto alle operazioni di mercato.

In questo mini manuale proviamo a indicare i concetti fondamentali per avvicinarsi ai mercati finanziari.

Le Basi: trading e finanza

Di base, il trading (traducibile dall’inglese to trade con ‘commerciare, negoziare, contrattare’) non è altro che uno scambio tra beni di valore. Nel trading finanziario, acquistiamo e vendiamo beni diversi tra loro allo scopo di aumentare il capitale di partenza. La scarsità delle risorse e le possibili differenze in condizioni geo-politiche ed economiche fanno in modo che un determinato prodotto acquisti valore o lo perda nel corso del tempo. Le materie prime costituiscono un ottimo esempio per spiegare quanto detto finora visto che il prezzo del petrolio grezzo reagisce in modo piuttosto veloce agli eventi geopolitici.

L’economia dimostra che il prezzo di una determinata risorsa non si genera a caso. Le condizioni fondamentali per la definizione del prezzo sono offerta e domanda. Tra domanda e prezzo sussiste una correlazione positiva: se la domanda aumenta anche il prezzo è destinato ad aumentare, se la domanda crolla allora anche il prezzo decresce supponendo che l’offerta sia costante.

Introduzione al trading online.

Nel passato per operare sui mercati era necessario disporre di somme importanti. Internet ha stravolto la condizione di partenza. Il digitale ha reso il trading meno oneroso e sicuramente piú accessibile. Chiunque abbia accesso alla rete può mettersi alla prova su un’ampia varietà di mercati finanziari, incluso il mercato azionario, il mercato valutario, gli indici, le materie prime, i futures e le opzioni.

Cosa sono i CFD

Per gli investitori comuni il veicolo piú popolare per investire sui mercati è costituito dai CFD, i Contratti per Differenza (l’acronimo viene dall’inglese Contracts For Difference).

Un Contratto per Differenza è uno strumento finanziario i cui movimenti si basano sul bene di riferimento nel mercato sottostante. Il bene a cui il CFD si riferisce può essere una materia prima, una valuta, un indice o un altro tipo di prodotto finanziario. Uno dei benefici di operare con i CFD è dato proprio dalla possibilità di investire su prodotti molto diversi anche dallo stesso account e senza nessun tipo d’intermediazione. Tra i pionieri di questa modalità di trading possiamo menzionare IG, sulla cui piattaforma trovi informazioni dettagliate sul mercato dei CFD .

Altro vantaggio, da gestire però saggiamente, consiste nella limitata liquidità finanziaria di cui bisogna disporre per aprire una posizione sul mercato. I CFD sono prodotti a leva, questo significa che all’investitore basta impegnare una cifra tra il 5% e il 15% dell’operazione che intende condurre. La somma viene quindi amplificata dalla società di brokeraggio che copre il resto dell’importo. In questo modo un trader può esporsi, ad esempio, per 10.000€ immobilizzando una cifra bassissima, intorno ai 500€.

Lo stesso meccanismo a leva si riflette nei risultati delle operazioni. Con i CFD è possibile guadagnare molto, ma è anche possibile perdere molto, addirittura di piú di quanto si era versato inizialmente nel proprio conto. Il modo migliore per mettersi alla prova è dato sicuramente dal conto demo, un conto di prova che resta aperto per un periodo limitato e nel quale si acquista e vende con soldi virtuali.